Feb 28, 2014 - Senza categoria    No Comments

Combinaguai

Ci sono cose che mi vengono veramente bene, gli spaghetti alla carbonara,  la torta pere e cioccolato e la tartare di tonno e avocado, poi ci sono cose che mi vengono veramente male: guardarmi negli occhi e dirmi la verità.Sono mesi che non scrivo al mio cuore, le tende tirate, nessuno bussa alla porta ed il prezzo del biglietto sembra veramente troppo alto per le mie possibilità questa volta. I brividi che provo quando sciolgo il cioccolato, il profumo che arriva fino alle vertebre, in mezzo alla cucina c’è tutto lo spazio per la mia nuda creatività. Ma la verità rimane sulla punta della lingua, insapore ed inodore.Ammettere di non essere così brava a fare tutto mi fa sentire una donna di poco spessore, il fatto di non avere muscoli a sufficienza nelle braccia mi fa sentire una donna di poca sostanza, il solo fatto di non scrivere come una donna mi fa sentire puntualmente un uomo mancato.Accumulo tossicità invisibile da tutte quelle persone che piangono su se stesse e l’ho fatto anche io pochi giorni fa.Ma poi l’incantesimo finisce e spunto io, vestita come un cartone animato in pigiama, ricomincio così dal nulla a rimbalzare di cuore in cuore,si riavvia tutto quello che sembrava immobile e vedo orizzonti che prima pensavo fossero di carta velina.E così combino guai.Una cosa che so fare alla perfezione è combinare guai.Sono una combina guai strategica, una di quelle che riconoscendo che la giornata è iniziata con i capelli crespi e il colore dei calzini diverso si aspetta che qualcosa accadrà a breve.E non mi deludo mai.Così riavviata da mesi di sole a intermittenza, porgo l’altra guancia, questa volta per sentire un po di calore.

 

Quattro sono pochi per sapere già come si dice pozzanghera in inglese, sono pochi per non pretendere più il bacio della buonanotte, quattro sono pochi per non ammalarsi da quasi tre.Sono pochi anni quattro per decidere che i capelli io non li so asciugare e anche per capire che certe cose è meglio non farle perchè altrimenti chissà cosa succede.Sei tu, con i tuoi occhi tondi, sei ancora tu, più alto sempre magro.Hai la stoffa di quegli uomini gentili, quelli che non si vedono più in giro, raccogli fiori e dici di essere felice.Segui con attenzione tutto quello che è fatto di colonne sonore, cantautore di pezzi di vita, ti racconti come se stessi vivendo in una bella favola.Io sono tua mamma, tua moglie, una lottatrice di sumo, a volte riesco ad essere anche un albero.Tu vorresti sposare tutti i tuoi amici, e  se ci penso hai ragione anche io in questo momento vorrei sposare delle mie amiche.Vuoi sapere che cos’è un tesoro? un tesoro sei tu che nascendo hai fatto brillare il mondo, un tesoro sono tutte quelle persone che incontrerai nella tua vita e lasceranno un puntino di senso, un tesoro è quando ti svegli e sarai così a posto con te stesso da non avere pensieri, ma non ti preoccupare avrai tempo per esplorare tesori.In tanto la tua mamma albero sta cambiando di nuovo le foglie tu preparati con la maschera delle tartarughe ninjia che ci sarà da divertirsi.

Dimenticavo io ti voglio bene fino al mondo di batman e anche oltre

Combinaguaiultima modifica: 2014-02-28T13:53:26+00:00da gennymell
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento