Giu 27, 2012 - Senza categoria    1 Comment

criticità seminude

Criticità è…..ingoiare un nocciolino di ciliegia e pensare che possa per sempre compromettere il tuo modo di pensare, critico è il primo giorno con le lenti a contatto, un bicchiere di vodka a digiuno, il prezzemolo che prende dimora tra il canino e l’incisivo.Critico è stato il giorno in cui ho dovuto ammettere di aver copiato il compito di matematica, quel cinquantadue alla maturità e le prime metruazioni.Criticità davanti alla cavalcata con tacco dodici,al primo reggiseno imbottito e quel bacio che avevo sognato per mesi.Io ansiosa pentita bloccata da due giorni a letto per colpa di una crocs numero 23 ripasso ,per scrupolo, le regole di sopravvivenza dalle situazioni critiche e mi accorgo che in effetti sono più le volte in cui ho lasciato che la criticità prendesse il sopravvento.Così armata di cuscino myform, il bicchiere dell’acqua sul comodino, un occhio puntato sulle mail del lavoro e l’altro disperso in orizzonti paralleli elenco i miei punti deboli davanti alle controversie della vita:

1) non conto mai fino a 5 ma arrivo subito alla conclusione che comunque andrà sarà un disastro

2) nonostante svariate coliche di reni ed un travaglio di quindici ore ho sempre la lacrimuccia troppo facile

3) mi arrabbio sempre e solo con me stessa invece dovrei iniziare a tirare qualche pugno così dove cojo cojo

4) la mano cade sempre nel reparto surgelati perchè il “gelato da riflessione” sta troppo bene con gli occhi gonfi ed il viso slavato

5) penso alla morte come per esorcizzarla e me lo dico proprio ” ecco adesso tu hai pensato che morirai così la cosa non succederà almeno per questa volta”

Ma poi in fondo che cosa c’è di veramente critico se non che a volte sento la mancanza della mia terra, della mia famiglia e della libertà delle vacanze estive, quando finiva la scuola e andavamo al fiume a mangiare il cocomero.

_MG_4614.JPG

Che tempo speso male questo, io qui e tu all’asilo.Io che faccio la principessa e tu che giochi a fare il principe e mi baci, ti piace così tanto che ridi a crepapelle.Da quasi un mese non porti più il pannolino e indossi mutandine super modaiole.Mi dici con aria stupita “uuuu mamma come sei elegante!” senza suggerimenti.Il tuo amore per i trattori e le mietitrebbie è sempre altissimo tant’è che siamo riusciti a farti salire su una di queste ed hai tagliato due file di grano, è stato bello vederti così felice.Noi siamo due genitori concentrati, viviamo con il tempo scandito per non farti mancare nenache un minuto di noi e sembra che questo ti dia sicurezza.Siamo orgogliosi di quello che riusciamo a fare anche se in certi momenti ci sembra che il lavoro ci porti via tanto tempo ed energie.Ma è così Enrico siamo nel 2012 anno di nebbia totale, poca flessibilità e un costo della vita che non aiuta.Spero tanto che tu riuscirai ad avere più possibilità di scelta quando avrai la nostra età ti auguro anche però di avere un grande amore come quello che abbiamo io e babbo, è da lì che si trova spesso la forza di andare avanti e crederci.

criticità seminudeultima modifica: 2012-06-27T17:54:00+00:00da gennymell
Reposta per primo quest’articolo

1 Commento

Lascia un commento