Lug 30, 2010 - Senza categoria    7 Comments

Qualcosa di personale

 

Immagine 122.jpg

 

Avrei qualcosa da aggiungere, a parte un grazie prezioso a quelli che leggono e mi danno la conferma che c’è sempre tempo per pensare alle cose tristi e c’è sempre tempo per dimenticarsi di inseguire sempre i sogni aldilà di tutto quello che sfuma davanti agli occhi.

Ho qualcosa da aggiungere, e questa volta lo devo dedicare ad un racconto che mi ha fatto una persona speciale, perchè poi le persone speciali sono più di quanto si creda, sono quelle persone che hanno qualcosa che ti fa vibrare le corde dell’anima, sono quelle che ti somigliano o quelle che vorresti essere, sono esseri umani che incontri e che sfiorandoti appena il cuore lo fanno girare come una trottola.

Un pò di anni fa ricordo di una litigata con mio padre, mi diceva che nella vita non si poteva fare come si voleva, che le regole erano state create per essere rispettate, che l’università era una cosa importante, che avrei dovuto fare quello che lui non aveva fatto, ricordo che ero distesa sul letto, come tutte le volte che mi disoriento e non riesco a vivere il dolore in piedi, così presa da una grande insicurezza e da un’infelicità che ha caratterizzato gran parte della mia adolecsenza gli ho risposto : ” io non mi merito niente….non avrò mai niente di mio..mi accontenterò di vedere i risultati degli altri!”, lui con gli occhi sconfitti e tristi aggiunse solo :” che cosa ho sbagliato con te?!”. Così oggi vorrei fare un elenco di cose che mi sono meritata, lottando così ardentemente e credendoci sempre, perchè spesso ci dimentichiamo che di energie ne sprechiamo così tante.

Mi sono meritata quello schiaffo che Luca mi ha dato in piazza del Campo la sera prima del Palio, perchè in effetti la prima sera che c’ero uscita insieme gli avevo vomitato nella macchina nuova e anche se erano passati più di due anni Lui così me l’aveva fatta pagare.

Mi sono meritata una Punto rossa 1100, perchè l’avevo scelta rossa per avere la macchina dello stesso colore di quella di Stefano, ma che “stronzata”è??? che dopo un pò con il sole è diventata rosa e mi sentivo un misto tra rumena, toscana o solo povera sfigata

Mi sono meritata di essermi ritrovata in terra romagnola con ventimila lire in tasca e un futuro incerto perchè forse oggi sarei stata una triste e sola disoccupata senza senso pratico

Mi sono meritata tutte quelle fottutissime smagliature in giro per il corpo perchè così non ricapiterà più che non mangerò per assomigliare a Naomi Campbell, lo dovevo capire in partenza che non erano certo dei kili in meno che mi sevivano per fare la Top model

Mi sono meritata tutte quelle multe prese a Milano, perchè fidarsi è bene e non fidarsi è meglio, e poi il sogno Milanese non faceva certo per me adoro troppo andare in centro in bicicletta

Mi sono meritata di aver lavorato in un punto Snai, perchè saprò riconoscere uno scommettitore anche da lontano e ne starò bene alla larga

Mi sono meritata di andare a quindici anni a Boston da sola, perchè a quindici anni si è stupidi davvero e con l’incoscienza si ottengono molte più cose.

Caro babbo,

mi sono meritata di averti come padre, perchè tutta la pazienza che hai avuto l’avresti potuta impiegare in energia per te, per i tuoi hobby e per la tua vita però l’hai dedicata a me, piccola donna senza fondamenta e con troppi pensieri negativi…..

Mi sono meritata un compagno ed un figlio così,lo sognavo tanto e pensavo di non meritarlo.

 

Qualcosa di personaleultima modifica: 2010-07-30T16:23:31+00:00da gennymell
Reposta per primo quest’articolo

7 Commenti

Lascia un commento