Giu 4, 2009 - Senza categoria    No Comments

Siamo grandi o no?

Penso che non si debbano mai rimpiangere le cose fatte, anche se si crea dolore o solo quella poca stima, penso che la libertà più grande sia quella di espressione.Il perbenismo forse sta bene solo addosso alle persone che hanno poco da perdere, il rischio di una giocata fatta solo per il brivido di rischiare non ha eguali.Basta davvero un niente, una marea più grande, un soffio più pazzo di vento, e la vita cambia come il cambiare delle ore nell’orologio, cambia il senso del discorso e anche il fisico sempre poco indipendente e attaccato così prepotentemente alla testa.E’ solo una questione di equilibrio, e di abitudine a cambiare luogo, stato sociale, abito o solo atteggiamento verso chi hai davanti, è una questione di allenamento, il filo del rasoio è uno stato che ti porta a percepire gli altri un po come delle panchine al sole in uno dei parchi di Berlino, ci sediamo sui pensieri degli altri per chiedere aiuto, per dimostrare che da soli non si sopravvive ,che il sole che si ha dentro è fatto di raggi alimentati da tutto quello che gli altri ci hanno dato.Stasera è nata in me una riflessione all’ombra di un tramonto che è riuscito a fregare una fabbrica di ceramica e anche una bella e rigogliosa pianta, ha fregato tutti per raggiungere la mia mano stanca sul divano.Rifletto sui miei scorci di storia, sulla cura di bene che mi sono permessa e anche su tutti gli spazi che ho tolto agli altri, e così a trentadue anni mi sono sentita incredibilmente sciocca.Niente risulta più avere un senso quando ad un certo punto ci si concentra sull’atto più commovente che una donna possa vivere, ad un certo punto senti che vorresti chiudere in una scatola tanta gioia e tutte le attenzioni mai ricevute da una madre, la testa esplode ed il cuore con essa, e prenderei le forze solo per concentrarmi su quelle attenzioni,su una mano che si è allontanata quando ne avevi più bisogno e adesso su quella stessa mano ti ci vorresti addormentare ogni sera.Diventerò madre e mia madre si avvicina a me proprio adesso.Ed io che goffa non so mai come rispondere, come avvicinarla alla mia vita , come sistemarla dentro il cuore. E la cosa più difficile da speiegare agli altri adesso è che spendo tanto di quel tempo a concentrarmi su di lei che alla fine della giornata non ho più energie neanche per me stessa, non mi chiedo se sia giusto o no, lei me lo devo, me lo doveva da tanto tempo questo amore e adesso sto sola e non chiedo nient’altro. TU CHIEDI IO DO SIAMO GRANDI O NO?

Siamo grandi o no?ultima modifica: 2009-06-04T21:36:00+00:00da gennymell
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento